Sei alla ricerca di un impiego, vuoi rimanere aggiornato su tutto quello che accade nel tuo settore professionale o stabilire connessioni con potenziali collaboratori? Partecipa agli eventi, visita le fiere del lavoro digitale come le Digital Talent Week promosse da CVing, iscriviti a seminari, instaura relazioni e costruisci la tua presenza su LinkedIn. Il maggiore social network dedicato alla professione può giocare un ruolo determinante nel mettere in risalto la tua figura, ma come costruire un profilo LinkedIn efficace?

Ricorda che senza completezza non c’è efficacia!

Un profilo LinkedIn è efficace quando è completo in ogni sua parte. Non esiste infatti nella struttura del profilo una sezione più importante o più strategica dell’altra. Vediamo quali dettagli curare affinché il profilo possa funzionare al meglio:

1) Usa una foto appropriata e un’immagine di copertina coerente

Carica sul tuo profilo LinkedIn una foto, preferibilmente in primo piano, di elevata qualità, facendo attenzione a rispettare le dimensioni consentite. Le statistiche LinkedIn  hanno rilevato che i profili corredati di foto ricevono mediamente 21 visualizzazioni e 36 messaggi più dei profili non corredati di foto.

L’immagine da utilizzare per la copertina potrà contenere elementi riconducibili al tuo lavoro, ai tuoi progetti in corso o alla tua personalità, ma dovrà sempre risultare esteticamente pulita, curata e non invasiva.

2) Compila il sommario

Hai una frase che ti rappresenta,  ruolo professionale ben definito o al quale aspiri?

Il sommario o headline è  composto da un massimo di 120 caratteri e viene inserito esattamente sotto il tuo nome. Si tratta di una sintesi estrema della tua personalità o della tua carriera professionale ed è importantissimo, perché apparirà sempre nell’anteprima del tuo profilo insieme alla tua foto.

3) Aggiorna la sezione informazioni e utilizza le parole chiave

Immediatamente al di sotto della sezione ”sommario”  trovano spazio le “informazioni” che saranno determinanti per l’immagine complessiva del nostro profilo professionale.

Di cosa ti occupi esattamente e a chi può essere utile il lavoro che svolgi o i servizi che offri? Hai qualche aspetto del tuo ruolo professionale che rappresenta una particolarità o valore aggiunto nel tuo ambito? Nel farlo, ricorda che LinkedIn si comporta come un motore di ricerca e per ottimizzare il tuo profilo sarà necessario individuare le keyword attinenti alla tua sfera professionale, rispetto alle quali vorrai essere rintracciato.

Le keywords solitamente coincidono con i ruoli ricoperti e con i servizi offerti. Dopo aver individuato 3 o 4 parole chiave, queste andranno inserite in maniera strategica all’interno di tutte le sezioni che compongono il profilo LinkedIn.

4) Personalizza la tua URL

L’indirizzo automaticamente elaborato dalla piattaforma è formato da una sequenza di lettere e numeri da personalizzare col proprio nome e cognome. Con una URL personalizzata, il tuo profilo comparirà tra i risultati Google nelle ricerche con nome e cognome, può essere inserito tra le informazioni di contatto nel tuo curriculum tradizionale, nel tuo blog, nella firma delle email o sui biglietti da visita.

5) Inserisci contenuti multimediali

Hai realizzato una presentazione video, un filmato accattivante che mostri lavori fatti o progetti di lavoro in corso, presentazioni di prodotti o partecipazione ad eventi di settore? Integrali al tuo profilo LinkedIn da cellulare o da desktop per renderlo più visibile, vivace ed esaustivo.

Tutto qui? No, questo in realtà è solo l’inizio: pubblica contenuti di valore, interagisci, prendi parte alle conversazioni fai vedere chi sei ed espandi la tua rete!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *