Tra i numerosi annunci di lavoro che consulti hai finalmente trovato quello giusto per te?

Ti riconosci pienamente nella job description e sei convinto di avere tutte le carte in regola per ottenere il posto di lavoro che desideri?

Ottimo, non resta che proporre la tua candidatura attraverso un curriculum vitae sintetico, efficace ed incrociare le dita.

Facile a dirsi, vero? Nella realtà, come hai imparato a capire nel corso del tempo dedicato alla ricerca di lavoro, le cose sono ben più complicate.

La verità è che puoi essere la persona giusta con il curriculum giusto e passare inosservata.

Questo succede perché il tuo cv, per stile ed immediatezza, durante la primissima fase di selezione non riesce ad emergere tra numerosissimi cv di candidati altrettanto preparati.

Il curriculum vitae infatti non ha il potere di farti ottenere su due piedi il lavoro che desideri, ma ha un unico obiettivo: distinguerti dalla massa e farti guadagnare presto la possibilità di un incontro tradizionale, di un video colloquio o di un colloquio in differita attraverso il metodo CVing.

In questo senso tanti sono i dettagli che rendono il cv davvero efficace: l’ottima leggibilità, la pulizia del formato, la scelta di contenuti coerenti con la ricerca in corso, una buona sintesi e… il colore!

 

Se stai immaginando di dare libero sfogo alla creatività creando un cv estroso e variopinto non sei però sulla strada giusta!

Il cv colorato deve infatti risultare sempre “pulito” e  ben leggibile, anche quando il recruiter deciderà di stamparlo in bianco e nero, e mantenere un aspetto professionale.

Prima di iniziare a colorare il tuo cv tieni presente che:

  • qualunque sia la combinazione scelta è importante che i colori siano ad alto contrasto;
  • una combinazione di colori ben studiata si ottiene consultando una tavolozza di colori e ha lo scopo di stabilire una sorta di gerarchia tra le varie sezioni del cv.

Qual è il miglior colore per un curriculum vitae?

Non esiste un colore migliore di un altro in senso assoluto ma, come sappiamo, ogni colore evoca sensazioni diverse e determina stati d’animo specifici in chi lo osserva. Scegli il colore in base a ciò che vuoi trasmettere e al tipo di posizione per la quale ti stai candidando.

Vediamo qualche esempio concreto per scegliere il colore più adatto al tuo nuovo cv:

  • sei la persona giusta per svolgere un lavoro in cui è richiesta dinamicità, contatto con il pubblico e capacità di lavorare in team? Scegli il giallo: un colore che suggerisce positività, ottimismo e solarità contagiosa;
  • ti stai candidando per una posizione junior? Punta sull’arancione, un colore che richiama l’attenzione evocando grinta ed entusiasmo;
  • sei il candidato giusto per un lavoro dove è richiesto un alto livello di concentrazione, cura del dettaglio e resistenza allo stress? Presenta il tuo cv in blu, il colore dell’affidabilità, della quiete e della forza;
  • vorresti comunicare equilibrio, affidabilità e concretezza? Scegli il grigio;
  • per ruoli in cui è richiesta una buona dose di creatività utilizza il viola: il colore delle idee brillanti e della ricchezza interiore.

Come evitare errori nella scelta del colore per il tuo cv?

Qualche nozione di psicologia del colore potrà guidarti nella scelta e, per non sbagliare gli accostamenti e combinazioni, usa il famoso cerchio di Itten o strumenti come Adobe Color disponibili gratuitamente online.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *