Da pochi mesi sei in una nuova azienda e l’entusiasmo iniziale si è già spento.

Le cose non sono andate come speravi, il clima aziendale che hai trovato ti ha deluso o le tue attività non si sono rivelate gratificanti come sembravano.

Quanto conoscevi l’azienda che ti ha assunto?

Spesso nel cercare lavoro non ci prendiamo il tempo di conoscere l’azienda che stiamo contattando. La sua storia, la sua visione, i suoi obiettivi sono fondamentali: non si può sperare di essere felici sul lavoro se non si condividono i valori dell’organizzazione con cui si collabora. Gli strumenti per approfondire questi aspetti sono disponibili in rete, tra cui il portale di CVing, rappresentano un’occasione preziosa per esplorare le aziende fino a trovare quella giusta, collegandosi da qualunque dispositivo. Approfittane per la ricerca del tuo nuovo lavoro! 

Licenziarsi senza errori

Dare le dimissioni per scelta, avendo valutato pro e contro, ti  permette di pianificarne tempi e modi: gioca bene le tue carte. Stai cercando di cambiare lavoro insieme al 40% dei lavoratori, come emerge dal recente  report di Microsoft, siamo nel momento delle cosiddette Grandi Dimissioni:  evita innanzitutto di diffondere in anticipo la notizia e aspetta che le formalità relative al tuo nuovo incarico siano ben definite. Se qualcosa andasse storto nel frattempo non avrai compromesso la tua situazione lavorativa attuale

Chi informare prima?

La prima persona da informare è il capo e, solo successivamente, i colleghi. Nel dare notizia a questi ultimi non cadere nella tentazione di parlare male dell’azienda che stai lasciando. Dare le dimissioni non deve diventare l’occasione per toglierti i sassolini dalla scarpa. Sei in un mondo del lavoro estremamente flessibile, le persone alle quali oggi stai dicendo “addio” potranno  incrociare nuovamente il tuo cammino professionale in un futuro prossimo.

Cura la tua rete professionale

Siamo tutti connessi!  Il  vecchio capo e i vecchi colleghi prima o poi entreranno nella tua rete social. LinkedIn ti farà incrociare ancora le persone che stai salutando e lasciare in loro una buona impressione oggi  potrà esserti utile in un futuro anche lontano.

L’ultima impressione è importante quanto la prima

Durante il colloquio con il tuo responsabile hai offerto la migliore immagine di te. Fallo anche ora che ti stai dimettendo: coordina con lui i tempi di un passaggio di consegne efficace, ribadisci la tua disponibilità ad affiancare durante i giorni di preavviso la persona che dovrà sostituirti. Sii professionale fino all’ultimo momento anche se questo comporterà un carico di lavoro maggiore mentre vorresti essere già essere altrove.

L’ultimo giorno prima della fuga

Sei arrivato al traguardo, hai evitato conflitti e recriminazioni e hai fatto correttamente il passaggio di consegne. Non ti resta che salutare e ringraziare i tuoi vecchi colleghi, anche quelli assenti, con un  messaggio da lasciare sulla bacheca o attraverso una mail da inviare a tutti. Del resto anche loro sono parte di una esperienza lavorativa che ha contribuito alla tua crescita professionale!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *